press

Comunicato stampa01/03/2021

MIELOMA MULTIPLO: LA FONDAZIONE EMN ITALY SPONSOR DI UN NUOVO STUDIO CLINICO CHE COINVOLGE OLTRE 200 PAZIENTI

Lo studio è coordinato da Alessandra Larocca, professoressa associata ed ematologa presso l’Università degli Studi di Torino e verrà pubblicato dalla prestigiosa rivista internazionale di ematologia Blood.
Minore tossicità e maggiore tolleranza sul lungo periodo grazie a un dosaggio mirato della terapia basato su un nuovo algoritmo che tiene conto delle fragilità del paziente.
Coinvolti oltre 200 pazienti in 30 diversi centri ematologici in 12 regioni italiane.

La lotta al mieloma multiplo fa passi avanti nella terapia grazie al nuovo studio clinico di fase 3 RV-MM-PI-0752, che vede il coinvolgimento di oltre 200 pazienti over 65 e under 80 con nuova diagnosi di mieloma multiplo,  definiti “unfit” per età o presenza di comorbidità (ossia di altre patologie) arruolati in 30 centri ematologici di 12 regioni italiane.

Sponsor dello studio è la Fondazione European Myeloma Network Italy Onlus di Torino, attiva dal 2004 con l’obiettivo di migliorare la cura delle malattie del sangue e del mieloma multiplo, in accordo con il Presidio Ospedaliero Molinette e con l’Università degli Studi di Torino.

Lo sperimentatore principale dello studio è Alessandra Larocca, professoressa associata presso il Dipartimento di Biotecnologie Molecolari e Scienze per la Salute dell’Università degli Studi di Torino ed ematologa presso l’AOU Città della Salute e della Scienza di Torino.

Durante lo studio i pazienti sono stati suddivisi in due gruppi: il primo assegnato al trattamento standard con la combinazione di farmaci lenalidomide e desametasone, somministrati  in modo continuativo; mentre nel secondo gruppo il trattamento lenalidomide-desametasone è stato somministrato seguendo un nuovo algoritmo che prevede, dopo i primi 9 cicli iniziali (fase di induzione), la diminuzione della dose di lenalidomide e la sospensione del desametasone che, in quanto farmaco corticosteroide, può essere poco tollerato a lungo termine.

I primi dati dello studio sono incoraggianti: nei due gruppi di pazienti sono stati infatti osservati risultati analoghi in termini di efficacia con il vantaggio, per il gruppo sottoposto al nuovo algoritmo, di una minore tossicità e una migliore tolleranza grazie alla diminuzione dell’intensità del trattamento e dell’uso di steroidi.

Questi risultati, inoltre, questi risultati potrebbero aprire alla valutazione del nuovo algoritmo in altre combinazioni e trattamenti, ad esempio nelle nuove terapie che includono anche gli anticorpi monoclonali.

Trattamenti standard recentemente approvati dall’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) come daratumumab combinato con lenalidomide e desametasone potrebbero pertanto  essere ulteriormente ottimizzati, mediante riduzioni di intensità di dosi e nell'uso degli steroidi.

Lo studio ha suscitato interesse e attenzione da parte della comunità scientifica internazionale e la prestigiosa rivista ematologica americana Blood lo pubblicherà a breve insieme a un’intervista alla professoressa Larocca.

“L'aspettativa di vita dei pazienti affetti mieloma multiplo è notevolmente migliorata negli ultimi decenni”, ha dichiarato nell’intervista la professoressa Larocca. “Ci aspettiamo che i risultati di questo studio possano aiutarci a migliorare e a ottimizzare ulteriormente il trattamento dei pazienti anziani che richiedono una terapia su misura e personalizzata in funzione della loro età e delle loro fragili condizioni. Ritengo che circa un terzo dei pazienti affetti da mieloma non eleggibili al trapianto autologo di cellule staminali potranno trarre benefici da questo studio perché i dati mostrano che la riduzione dell'intensità della dose del trattamento è un'opzione fattibile che produce risultati simili rispetto ai trattamenti a dose standard”.

Le regioni coinvolte nello studio RV-MM-PI-0752 sono state: Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Trentino-Alto Adige, Emilia-Romagna, Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Puglia e Sardegna.

Comunicato stampa
10/10/2018
NASCE A TORINO LA BIOBANCA SUI LINFOMI E IL MIELOMA MULTIPLO

Fondazione Neoplasie Sangue (FONESA) e Fondazione Italiana Linfomi (FIL) insieme per la ricerca. La Fondazione FONESA sostiene, insieme alla Fondazione CRT, il progetto di FIL e Università di Torino per l’allestimento di una Biobanca che avrà un ruolo di primo piano nella ricerca biologica sui linfomi e il mieloma multiplo in Italia.

leggi di più >
Comunicato stampa
19/04/2019
LO STUDIO SUL MIELOMA MULTIPLO CHE PARTE DA TORINO E ARRIVA A CHICAGO

Il Data Center della Fondazione Neoplasie Sangue (FONESA) di Torino coordina e gestisce i dati dello studio UNITO-MM-01/FORTE promosso dall'Università degli Studi di Torino e i risultati preliminari verranno presentati alla comunità scientifica al congresso ASCO (American Society of Clinical Oncology) che si terrà dal 31 maggio al 4 giugno 2019 a Chicago.

leggi di più >
Comunicato stampa
17/04/2018
FO.NE.SA. FONDAZIONE NEOPLASIE SANGUE ONLUS HA SCELTO L’AGENZIA DI COMUNICAZIONE ANICE PER I RAPPORTI CON I MEDIA

FO.NE.SA. Fondazione Neoplasie Sangue Onlus con sede operativa presso l’A.O.U. Città della Salute e della Scienza di Torino, Presidio Ospedaliero Molinette, si avvarrà del supporto di Anice, agenzia di comunicazione integrata internazionale, per i rapporti con i media.

leggi di più >
Comunicato stampa
24/04/2018
QUANDO UNA GOCCIA PUÒ FARSI MARE: IL 5X1000 A FONESA ONLUS AIUTA LA RICERCA SUL MIELOMA MULTIPLO E LE NEOPLASIE DEL SANGUE

Il 5x1000 a FO.NE.SA.: Un aiuto per poter inserire più pazienti nei protocolli clinici.
Il codice fiscale 97652630019 va inserito, con la propria firma, nella prima casella del Modello Redditi Persone Fisiche o 730 a “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale”.

leggi di più >
Comunicato stampa
26/11/2019
UNA APP A SUPPORTO DEL NUOVO STUDIO SUL MIELOMA MULTIPLO PROMOSSO DA FONESA

Per gestire i dati del monitoraggio della pressione nei pazienti arruolati nel nuovo Studio EMN20 promosso dalla Fondazione FONESA di Torino verrà utilizzata una App che comunicherà in tempo reale i dati a un server centrale e al personale medico che, in caso di valori fuori range, si metterà in contatto col paziente. A pieno regime lo studio arruolerà 340 pazienti in tutta Italia.

leggi di più >
Comunicato stampa
19/02/2020
FONESA DIVENTA FONDAZIONE EUROPEAN MYELOMA NETWORK

FONESA ha cambiato il suo nome in FONDAZIONE EUROPEAN MYELOMA NETWORK ITALY ONLUS e ha istituito un’ulteriore sede operativa all'interno del Centro Interdipartimentale di Ricerca per le Biotecnologie Molecolari dell'Università di Torino - MBC di via Nizza 52 a Torino.

leggi di più >
Comunicato stampa
29/04/2020
CON LA FONDAZIONE EMN ITALY ONLUS IL 5X1000 VALE DOPPIO

L’importo raccolto dalla Fondazione nel 2020 con la donazione del 5x1000 sarà destinato a finanziare l’attività di 2 Infermieri di Ricerca completamente dedicati a supportare i malati di Mieloma Multiplo. Il codice fiscale 97652630019 va inserito, con la propria firma, nella prima casella del Modello Redditi 2020 oppure 730 a “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale”.

leggi di più >
Comunicato stampa
20/07/2020
COVID-19 E MIELOMA MULTIPLO

La Fondazione EMN Italy Onlus di Torino, in collaborazione con European Myeloma Network International, ha avviato uno studio osservazionale nei pazienti affetti da Mieloma Multiplo e Covid-19 che coinvolgerà 7 stati Europei più il Regno Unito.

leggi di più >
Comunicato stampa
29/07/2020
COVID-19 E MIELOMA MULTIPLO: CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA PER RISCRIVERE I PERCORSI DI CURA

La Fondazione EMN Italy Onlus di Torino ha ideato e promosso, in collaborazione con VyvaMed, provider ECM (Educazione Continua in Medicina) un percorso formativo FAD E-learning rivolto a Medici Chirurgici, Biologi e Infermieri dal titolo “Riscrivere i percorsi di cura: il paziente con Mieloma Multiplo nell’anno del Coronavirus”. Responsabile Scientifico è il professor Mario Boccadoro, Presidente della Fondazione, Vicepresidente dell'European Myeloma Network e Direttore del Dipartimento di Biotecnologie Molecolari e Scienze per la Salute - Divisione di Ematologia presso il Presidio Ospedaliero delle Molinette di Torino.

leggi di più >

COOKIES DISCLAIMER

Utilizziamo i cookies per poterLe assicurare la migliore esperienza sul nostro sito. Cliccando su "ACCETTO" ci permette di utilizzare i cookies. Se non accetta, alcune parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Può in qualunque momento cambiare le impostazioni dei cookies. Per ulteriori informazioni visiti "CONDIZIONI DI COOKIES E PRIVACY".